Le nostre case, anche le più pulite, ospitano diversi tipi di insetti e di parassiti, che si nascondono negli angoli più irraggiungibili e di cui spesso ignoriamo la presenza.

Oltre a curare la pulizia di ogni ambiente al meglio, è bene conoscere i luoghi preferiti dagli insetti e le sostanze di cui sono ghiotti, per prevenire il loro arrivo indesiderato.

 

Cucina

L’ambiente dove conserviamo gli alimenti, dove rimangono più frequentemente residui organici e umidità, ospita più facilmente insetti come le formiche, attratte da briciole e confezioni aperte, moscerini da frutta, farfalline e tarme degli alimenti, che si nutrono di farine, riso, cacao e grano, e blatte, che spesso risalgono dalle tubature alla ricerca di cibo e umidità.

 

Bagno

Il bagno è uno dei luoghi preferiti dai pesciolini d’argento, piccolissimi insetti che amano l’umidità e il buio e che spesso si annidano nei pertugi più piccoli ed escono soltanto nelle ore notturne. Anche in questa stanza potrebbero essere presenti blatte o scarafaggi, sempre in arrivo dalle tubature.

 

Camera da letto

La stanza dove legno e materiali tessili costituiscono la maggior parte dell’arredamento è la più esposta alla presenza di tarme dei vestiti e tarli del legno. Anche qui, soprattutto in presenza di librerie, potrebbero annidarsi i pesciolini d’argento. Infine, oltre alle zanzare, principali nemiche del nostro sonno, potrebbero comparire le cimici dei letti, che si nascondono tra le cuciture dei materassi o vicino al telaio.

 

Salotto

La presenza di arredi come tappeti, tendaggi e librerie colme di carta può favorire l’arrivo di ragni, la formazione di acari, o l’annidarsi di tarli del legno. Una corretta pulizia e la rimozione frequente della polvere può aiutare a evitare questo problema. Le stanze come il salotto, che tendiamo ad arieggiare più di frequente aprendo le finestre o che sono dotate di balcone o terrazza, facilitano l’ingresso anche alle cimici.

 

Sottotetto

Infine, gli insetti più vistosi, come vespe, api e calabroni, possono formare nidi nel sottotetto, così come i tarli nelle travi sul soffitto.